Italia, Proposte di Viaggio

Cosa Fare e Vedere all’Isola d’Elba?

L’Isola d’Elba è l’isola più grande dell’Arcipelago Toscano e la terza italiana per grandezza.

Un vero splendore caratterizzato da natura rigogliosa, lidi che affacciano sulle acque cristalline, tipici borghi marinari e un entroterra ricco di testimonianze storico-culturali.

Il turismo nell’isola viene prevalentemente associato alla stagione estiva, al mare, al sole e alle spiagge, merito anche degli oltre cento chilometri di costa, che si alterna tra spiagge sabbiose, scogli e ghiaia.

Al tempo stesso non bisogna dimenticare la storia ultramillenaria dell’Isola d’Elba, che la rende un vero e proprio concentrato di storia, arte e cultura che aspetta solo di essere esplorata.

L’isola presenta inoltre un patrimonio naturale di tutto rispetto, regalando escursioni meravigliose sulle sue vette.

Ecco quindi alcuni suggerimenti su cosa fare e vedere all’Isola d’Elba.

Portoferraio, alla scoperta della storia dell’isola

Capoluogo dell’isola e principale punto di attracco dei traghetti, Portoferraio solitamente rappresenta la prima tappa di ogni tour dell’Isola d’Elba.

Portoferraio Isola d'Elba

Conosciuta anche come Città Rosa per via del calcare rosato utilizzato nel 1700 per lastricare le vie del centro storico, la città conserva ancora oggi ville napoleoniche e diversi forti e bastioni, a testimonianza delle antiche difese cittadine.

L’Isola d’Elba è infatti storicamente famosa per aver ospitato Napoleone Bonaparte in esilio.

Oggi testimonianze di questo periodo storico sono visitabili presso il Museo delle Residenze Napoleoniche, in cui sono conservati arredi, cimeli e mobili d’epoca all’interno della Palazzina dei Mulini e di Villa San Martino, rispettivamente residenza urbana e di campagna di Napoleone.

Da non perdere inoltre una passeggiata nel caratteristico centro storico, oltre che una visita al Museo Civico archeologico di Portoferraio, in cui, attraverso i reperti, è possibile ripercorrere la storia dell’isola a partire dagli Etruschi fino ad arrivare ai Romani, in un arco temporale che va dal VII secolo a.C. fino ad arrivare al V secolo d.C.

Le spiagge dell’Isola d’Elba

Impossibile parlare dell’Isola d’Elba senza nominare alcune delle sue spiagge più belle.

L’isola è infatti particolarmente apprezzata dai turisti per la sua natura selvaggia ed incontaminata, il mare limpido e le circa 150 spiagge di diverso tipo.

Tra le spiagge più belle dell’Isola d’Elba troviamo quelle di Sansone e Padulella a Portoferraio, entrambe in ghiaia, oltre che la spiaggia delle Ghiaie, situata proprio nel centro cittadino, caratterizzata da un arenile in ciottoli bianchi e inserita all’interno di un’area marina protetta.

Impossibile non nominare poi la spiaggia di Fetovaia, situata anch’essa a Campo nell’Elba, famosa per la colorazione dell’acqua data dal fondale di sabbia bianchissima e dal contesto paesaggistico in cui è inserita che la fa assomigliare ad una insenatura tropicale.

Spiagge isola d'Elba

Gli amanti delle spiagge di sabbia bianca apprezzeranno sicuramente anche la spiaggia di Laconella a Capoliveri, situata in fondo al Golfo di Lacona.

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ed il Monte Capanne

Tra le cose da fare all’Isola d’Elba, gli escursionisti appassionati non possono non intraprendere la salita al Monte Capanne, la cui vetta si colloca a 1019 metri sul livello del mare.

Esistono diversi sentieri per raggiungere la vetta, anche se i due più indicati partono entrambi da Marciana.

L’escursione è la soluzione ideale per esplorare la natura rigogliosa dell’isola.

Il paesaggio è difatti caratterizzato da lecci, castagni e arbusti tipici della macchia mediterranea e ospita diverse specie animali, come daini, falchi pellegrini, poiane e mufloni.

Parco nazionale Isola d'Elba

Ciò che forse più di tutto il resto giustifica la fatica della salita, per altro effettuabile anche in cabinovia, è il panorama che si estende sull’arcipelago toscano, arrivando fino alla Corsica delle giornate terse.

Il Parco Minerario

Il Parco Minerario dell’Isola d’Elba è stato istituito con l’intento di valorizzare e conservare ciò che resta dell’industria estrattiva del ferro, le cui tracce sono riconducibili addirittura all’epoca etrusca.

Nel Museo di Rio Marina sono custoditi i cataloghi e i principali minerali estratti nelle cave dell’isola, tra cui elbaite, ematite, pirite e quarzo.

Nel museo si possono inoltre trovare foto d’epoca che testimoniano il lavoro dei minatori e i macchinari in uso in passato.

Oltre alla visita al museo, è possibile fare delle escursioni o un giro in trenino accompagnati da guide ambientali, che conducono alla scoperta del Parco Minerario vero e proprio, caratterizzato da meravigliosi colori e riflessi.

Capoliveri, natura e tradizione

Capoliveri è un borgo dalla storia antica, situato in posizione strategica sulla cima di una collina, dalla quale regala bellissimi scorci sul mare.

A Capoliveri si possono trovare eleganti negozietti, ristoranti, pittoresche spiagge selvagge e piccole calette tutte da esplorare.

Gli amanti degli sport all’aria aperta possono dedicarsi a numerose attività come surf, snorkeling e diving, oltre che esplorare alcuni tra i tanti sentieri inclusi all’interno del Capoliveri Bike Park, perfetti per attività di trekking e mountain bike.

Marciana e Marciana Marina, tra mare e monti

Il comune di Marciana si estende in verticale dalle pendici del Monte Capanne, ossia la vetta più alta dell’Elba, fino al centro del paese, situato a 375 metri sul livello del mare. Il territorio  è caratterizzato da boschi di castagno, rocce granitiche e macchia mediterranea.

In paese merita una visita il Museo Civico Archeologico, con reperti che risalgono all’età della pietra, oltre che ai periodi etrusco e romano, e la Fortezza Pisana, risalente al XII secolo, dalla quale parte un sentiero che conduce al santuario della Madonna del Monte.

Spingendosi invece verso la costa si raggiunge il comune di Marciana Marina, con il suo porticciolo, dal quale è possibile raggiungere le spiagge e scegliere se rilassarsi sotto il sole o praticare sport acquatici.